Biografia

aimg-20160612-wa0014

Massimo Viglione è ricercatore, docente universitario, storico, saggista, conferenziere e intellettuale cattolico.

Nato a Caserta il 18 gennaio 1964, l’11 febbraio 1970 venne a vivere a Roma con la sua famiglia. Dopo gli studi classici, si è laureato in Filosofia – indirizzo storico – all’Università La Sapienza di Roma con una tesi sul giudizio sulla Rivoluzione Francese in ambiente italiano nel XIX secolo.

Dal 1993 al 2005, mentre insegnava – fino al 2004 – Storia e Filosofia ai licei, è stato cultore della materia alla cattedra di Storia Moderna dell’Università di Cassino. Dal 2005 è docente a contratto presso l’Università Europea di Roma, dove ha insegnato per anni Storia Moderna e oggi tiene un corso di Pensiero e Istituzioni della Società cristiana.

Dal 2005 è ricercatore (entrato in ruolo definitivo nel 2010) presso l’Istituto di Storia dell’Europa mediterranea del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Dal 2001 al 2005 è stato Direttore editoriale della Editrice Il Minotauro, ove ha curato la Collana “Identità e Cultura” e Coordinatore editoriale della rivista internazionale “Nova Historica”.

Dal 2004 al 2013 è stato coordinatore editoriale del periodico “Radici Cristiane”.

ATTIVITA’ DI STORICO

L’interesse di studioso si è sostanzialmente sviluppato, pur con delle eccezioni, su tre tematiche essenziali:

  • dopo la laurea, negli anni Novanta, è stato tra i primi in Italia a studiare e divulgare lo sconosciuto ma epocale fenomeno delle insorgenze controrivoluzionarie antigiacobine e antinapoleoniche;

  • Dai primi anni Duemila, ha studiato e rivisitato il grande problema del Risorgimento italiano, presentandolo come Rivoluzione Italiana e approfondendone in chiave di revisione storica presupposti ideologici, eventi e conseguenze;

  • il terzo campo di studio è la persistenza dell’ideale crociato in età tardo medievale e moderna.

Per tutte e tre le tematiche, ma specie per le prime due, ha edito vari saggi, articoli e ha partecipato a numerosi convegni scientifici nazionali e internazionali.

È stato spesso intervistato da quotidiani, partecipando anche a trasmissioni televisive, specie sui primi due temi.

ATTIVITA’ DI INTELLETTUALE

Parallelamente alla sua attività di storico, da ormai venticinque anni svolge costante attività di intellettuale cattolico, impegnandosi con corsi di formazione, continue conferenze in tutta Italia, articoli per riviste e un’intensa attività sui social network, senza escludere l’impegno personale a difesa dei valori tradizionali della civiltà cristiana, europea e italiana, ai quali ha consacrato la propria vita.

È co-fondatore del sito “Il Giudizio Cattolico” e autore di decine di pubblicazioni.

Alcune PUBBLICAZIONI di MAGGIOR rilievo

Sulla tematica dell’Insorgenza controrivoluzionaria

  • Rivolte dimenticate. Le insorgenze degli italiani dalle origini al 1815, Città Nuova, Roma 1999

  • Le insorgenze in Toscana e i “Viva Maria” aretini, in: “Ricerche di Storia sociale e religiosa”, (n° 67, a. XXXIV, giugno 2005, pp. 135-155).

–  Andreas Hofer e l’insorgenza tirolese nel Giudizio storico di Carlo Botta, in Carlo Botta la ragione e la passione, Atti del Convegno internazionale “Carlo Botta nel bicentenario della prima edizione della Storia della Guerra dell’Independenza degli Stati Uniti d’America (1809-2009), Torino-San Giorgio Canavese-Ivrea-Pavone Canavese, 11-13 marzo 2010, a cura di A. Emina, Hever, Ivrea 2011, pp. 61-71.

–  Le insorgenze controrivoluzionarie nella storiografia italiana. Dibattito scientifico e scontro ideologico (1799-2012), Firenze, Olschki, 2013

  • Il dibattito storiografico in Italia in occasione del bicentenario delle insorgenze controrivoluzionarie (1990-2012), in Les autres Vendées. Les contre-révolutions paysannes au XIXe siècle, Actes du colloque international sur les contre-révolutions paysannes au XIXe siècle tenu à La Roche-sur-Yon les 2 et 3 octobre 2009, sous la direction de Yves-Marie Bercé, La Roche-sur-Yon, Éd. CVRH, CNRS et Paris IV (Centre Roland Mousnier), 2013, pp. 163-207.

Sulla tematica della Rivoluzione Italiana

  • La Rivoluzione Italiana. Storia critica del Risorgimento, a cura di Massimo Viglione, Il Minotauro, Roma 2001

  • Libera Chiesa in libero Stato? Il Risorgimento e i cattolici: uno scontro epocale, Roma, Città Nuova, 2005.

  • Le due Italie. Identità nazionale, unificazione, guerra civile, Edizioni Ares, Milano 2011.

–  Il problema di Roma nel movimento unitario italiano, in I cattolici tra risorgimento e antirisorgimento. Centocinquant’anni di unità politica italiana, Atti del Convegno di Studi, Università Europea di Roma, Roma, 28 febbraio 2011, Roma, Le Lettere, 2013, pp. 84-98.

  • Il destino dell’Italia. Dalla Rivoluzione unitarista al dissolvimento odierno, Reggio Emilia, Edizioni Radio Spada, 2016

Sulla tematica della persistenza dell’idea di Crociata nei secoli moderni

  • Il problema della Crociata dal II Concilio di Lione alla morte di Pio II (1274-1464). Con relativa bibliografia, in: “Ricerche di Storia sociale e religiosa”, n° 54, a. XXVII (1998), pp. 201-263.

  • La figura di Marco d’Aviano fra fede, politica e crociata. Ritratto ricavato dai documenti della “Positio”, in “Ricerche di Storia sociale e religiosa”, n° 68, a. XXXIV (2005), pp. 35-73.

  • “Rizzate il gonfalone della santissima Croce”. L’idea di Crociata in santa Caterina da Siena, ETS, Pisa 2007, edita sotto patrocinio del Consiglio Nazionale delle Ricerche

  • Ideale crociato ed esigenze di pace in santa Caterina da Siena, in Presenza del passato. Political Ideas e modelli culturali nella storia e nell’arte senese, Atti del Convegno internazionale, Siena 4 maggio 2007, Consiglio Nazionale delle Ricerche – Edizioni Cantagalli, Siena 2008, pp. 169-182.

  • Esigenza di pace, prospettive di missione e idea di Crociata nelle lettere di santa Caterina da Siena, “Revue d’Histoire Ecclésiastique”, 109/1, Lovanio 2014, pp. 91-122.

  • “Deus vult?”. Cambiamento e persistenza dell’idea di Crociata nella Chiesa. Dal II Concilio di Lione alla morte di Pio II (1274-1464), Edizioni Nuova Cultura, Roma 2014.

  • La politica antiottomana dei Gonzaga tra spirito di crociata e interessi dinastici (XVI-XVII secolo), “Nuova Rivista Storica”, 8, 2016, pp. 977-998.

ALTRE PUBBLICAZIONI

  • – La Rivoluzione Francese nella storiografia italiana dal 1790 al 1870, Coletti, Roma 1991.

  • È stato coautore di un manuale di storia per le scuole medie inferiori, Alle radici del domani, Ghisetti & Corvi, 2003-2005, 3 voll.

  • Il problema della legittimità della Rivoluzione Francese in Vincenzo Cuoco. Il dibattito storiografico e riflessioni aggiuntive, “RiMe. Rivista dell’Istituto di Storia dell’Europa mediterranea”, 16/1-2, giugno 2016, pp. 197-226.

Annunci